martedì 13 novembre 2012

Recensione NON TENTARMI


di LORETTA CHASE

TRAMA

Lucien de Grey, duca di Marchmont, è bello, ricco e potente, ma sembra interessato solo a far bisboccia con gli amici. Non trapelano i suoi sentimenti né l’intima sofferenza, finché dal passato non rispunta Zoe Lexham, figlia del suo tutore di un tempo, scomparsa in Egitto dodici anni prima. Per tutto quel tempo Zoe ha vissuto prigioniera in un harem, e ora che ha fatto ritorno a casa la sua reputazione è compromessa: ha bisogno di qualcuno che la guidi e la renda accettabile agli occhi della buona società. Un compito che solo Lucien può assumersi, sempre che riesca a resistere alla tentazione di una donna sensuale e ribelle, che sa bene come compiacere un uomo…


RECENSIONE
Fin dall'inizio, la piccola Zoe Octavia Lexham,è stata la spina del fianco  del giovane Lucien de Gray. Anche quando Lucien fu preso sotto la tutela di Lord Lexham , a seguito di una serie di tragicche malattie e infortuni che rivendicano entrambi i genitori e il  fratello maggiore. Zoe era anche la  "Luce nella sua vita." Lui era l'unico che che la  ascoltasse, e lei era l'unica che poteva farlo ridere. Ma, anche lei  era destinata a lasciare Lucien, anche se fu  rapita  durante un viaggio  in Egitto , all'età di dodici anni. tutti davano per scontato che lei  stesse facendo quello che le riusciva meglio: Scappare . Indipendentemente da ciò, è stato un’altro  colpo  per il giovane Duca di Marchmont, che siggillò il suo ricordo,e  la sua spenzeratezia nel armadio dei ricordi. Fin quando non si presenta una sconosciuta dinanzi alla porta di Lord Lexham. Incuriosito, si reca  a casa del suo ex tutore con l’intenzione di deridere la donna che si fa chiamare Zoe, ma gli basta un solo sguardo per capire che era lei.
Zoe, oltre ad essere straordinariamente bella e sinuosa, è anche una combinazione irritante e irresistibile di innocenza e di esperienza, saggezza e ribellione. Dopo aver trascorso gli ultimi dodici anni in un harem, come la concubina pregiata di un giovane - e impotente - figlio di un pascià, è fisicamente a casa, ma psicologicamente è divisa tra le due  culture. Non ha scrupoli a discutere pubblicamente degli uomini e del loro "strumento del piacere" o della sua condizione  sessuale, ma  capisce che l'unico modo per finire la sua colazione è di ignorare il litigio inutile che si stava creando al tavolo tra le sue sorelle. Lei sa  che cosa vuol dire essere una schiava, ma non può più sopportare la reclusione.
In un certo senso, il ritorno di Zoe è un'altra ferita per  Marchmont, anche se uno non può identificare o elaborare. Ma l'insensibilità deliberata che ha coltivato nel corso degli anni non può competere con la bellezza e l'intelligenza vivace di Zoe , anche perché stare semplicemente  nella stessa stanza con lei fa saltare le porte dell suo  "armadio mentale" che  Marchmontcerca cerca di tenere chiuso.  Anche se tutta l’energia che spende cercando di stargli lontano, non serve quasi a nulla. Tra loro esiste  una corrente eletrica che li unisce.
La forza della corrente è evidente anche  se Marchmont, la riserva in modo sperezzante   sulle sorelle di Zoe, per esempio, Chiamandole le "Quattro streghe dell'Apocalisse", due delle  quali "sembravano  sul punto di sfornare dei  marmocchi da un momento all'altro - gemelli o pony, a giudicare dalla loro circonferenza ". Hanno avuto un mondo sicuro e felice dove poter crescere, mentre Zoe era lontana, molto lontana, e la loro presenza sembra un affronto per  Marchmont. Vediamo anche la forza di attrazione e della assiduità con cui Marchmont assume il compito di guidare Zoe nuovamente dentro la società inglese. Lo vediamo nel modo in cui Marchmont deve domare il proprio "strumento del piacere" in compagnia della  stravagante Zoe, e non si può fare a meno di esprimere la sua gioia  anche al più semplice tocco,anche quello  più casuale. E, naturalmente, lo vediamo nel modo in cui l'onestà sfrenata di Zoe e la sua indipendenza emotiva porta  Marchmont  alla vita. .
La trama di Non Tentarmi  non è complicata. Il libro è diviso in due parti distinte, la prima parte è  di Zoe e del suo ri-ingresso  in società  che si conclude con la benedizione della Regina, mentre la seconda si concentra sulla storia di  Zoe e Marchmont. Questo  libro è abilmente costruito, ci descrive tutte le varie sfide che deve affronrare  Zoe per rientrare in società, trovare i  vestiti addatti, perfezzionare  il suo inchino,  impedirle di parlare liberamente delle sue abilità di “come compiacere un uomo”-  mantenere Zoe e Marchmont nelle immediate vicinanze dove si può discutere con la lussuria, e spesso con i loro commenti comici- taglienti

Tunf. – Ho detto basta ! Santo cielo, è come cercare di separare due cani!
Tunf. – Lasciatela !
Qualcosa gli stava colpendo la schiena.
Tunf. – Subito! Mi state acoltando ? –Tunf.- Toglietevi immediatamente ! –Tunf.- Via da li !
Dannazione. Non quella stupida cameriera. Da dove diavolo era spuntata ?
Marchmont chiuse gli occhi, fece un respiro profondo e cercò di tornare in sè.
Avrebbe ucciso quella domestica e gettato il suo cadavere nel lago.
Rotolò via da Zoe, apri gli occhi e guardò in su.
La cameriera in effetti  c’era, però in disparte. Non era stata lei a colpirlo, Jarvis se ne stava con le spalle piegate in avanti e i pugn premuti sulla bocca, quelche passo indietro e  alla destra di Priscilla, che sollevava ‘enorme pancione mentre brandiva l’ombrello ben stretto
Siete uscito di senno ? –
 Gridò quella- per la miseria, Marchmont, che diamine vi prende ? Accoppiarvi con mia sorella a Hyde Park ?Come cani ! Cosa dirà la gente ?


... Zoe si sollevo sui gomiti e guardò con occhio torvola sorella. – Io ti ammazzpo – disse.- Ma sei matta, a interrompere un momento del genere ? Non m’importa quanto sei incinta. Non ci sono scuse...


A un livello superficiale, Zoe e Marchmont sono  due opposti, e sappiamo tutti che cosa succede con gli opposti in un romanzo Romance. Ma il loro è un  livello più profondo, sono simili caratterialmente .Come Marchmont,anche  Zoe è  consapevole di ciò che le sta accadendo intorno. Entrambi si distinguono, Marchmont come l'uomo apparentemente distratto che è al di sopra di tutti e tutto, e Zoe come ex schiava  che fa impallidire tutti gli standard della buona società Inglese. E questi sono chiaramente ruoli .Per tutti Marchmont appare distaccato  da qualsiasi emozione ,ed è  estremamente "possessivo" quando si tratta di Zoe.
Per me, la tensione e la lotta tra queste due persone ostinate che hanno così  bisogno l'un l'altro,  se vogliamo è il punto determinante del romanzo.  Marchmont vorrebbe avere  Zoe tutta per sé, ma  può superare le sue paure permettendosi  di essere un partner alla pari e dipendwere  da lui? Può essere fedele a lei? Può Zoe trovare la libertà che cerca nella vita Inglese, anche come la moglie di un duca?
Tu se tutto quello che mi resta- disse.- Tutto quello che mi resta.-
Parlava con voce roca, rotta dall’emozione.
-Lucien- Mormorò lei, con il viso contro il suo petto.
- Tu sei tutto ciò che mi resta, Zoe- ripetò Marchmont,- Tutti quelli che amavo se ne sono andati per sempre. Anche tu, o così credevo. Invece sei tornata da morti e se ti perdessi non so cosa farei.
Mi sono poste vari domande durante la lettura di questo romanzo : Zoe superrerà mai il ricordo della sua prigionia ? In effetti, la trama del romanzo si è inctrecciata molto per nascondere la tragedia di Zoe, cercando allo stesso  modo di sottolineare in modo velato il carattere di  Marchmont e il suo “armaio mentale” dove tiene nascosto tutti gli aspetti più scuri del suo carattere.
...La bambina ? – ripetè lei. -  La bambina ? ho rischiato la vita per essere  libera. Tu non hai idea di cosa m’avrebbero fatto se m’avessero catturata. Ho risciato tutto per questo.- Agitò la mano verso il finestrino, dove la sagome indistinte si muovevano rapide, e carrozze e cavalli avanzavano lungo la strada trafficata.
La descrizione della sua cattura è stata una scena straziante :
Tutto il passato riaffiorò in lei in una gelida ondata di panico : L’attimo in cui l’avevano portata via dal bazar... le voci che parlavan in una lingua incomprensibile...il buio.. gli uomino che la toccavano... e lei che urlava per chiamare il padre, finchè  non l’avevano imbavagliata... la bevanda  che l’avevano obbligata a mandar giù, che la faceva fare strani sogni,lasciandola però i parte lucida... le schiave che le toglievano i vestiti
La  storia della sua  fuga è altrettanto straziante, come lo sono gli scorci che dà  della sua vita nel harem – l’ instabilità politica, le ostilità tra le donne, i pericoli quotidiani e capricci imprevedibili che potrebbe significare la differenza tra :mantenere i vostri gioielli o quella di perdere la testa, dove uno è semplicemente "un animale in gabbia." 

...In egitto ero im giocattolo, una bambola, unanimaletto in gabbia
Zoe si è così ben adattata, è anche emotivamente più stabile di Marchmont, è  stato difficile per me da accettare, soprattutto in  una coppia con l'impotenza del suo padrone e la sua verginità intatta , che ha creato (almeno per me )questa favola- come le fantasie che circondando la mente di Zoe. Al contrario, il personaggio di Marchmont sembrava più reale, per la sua  lotta emotiva. Non ho potuto fare a meno di capire  che Zoe era ancora un altro esempio di come l'amore di una donna può salvare il cuore di un uomo emotivamente ferito, anche se la donna qui in questione è anche lei ferita .

Per quanto riguarda la sessualità di Zoe,  non ero  delusa nella sua verginità (anche se mette a  dura prova i limiti della credibilità), infatti, ho trovato il figlio impotente del Pascià (anche questo è molto discutibile ) lei non è la classica eroina del Romance storico. Lei emana carisma, sessualmente consapevole e coraggiosa pur essendo tecnicamente vergine, e questa è  stata una combinazione molto interessante. Non era né la vergine incapace , né la vergine incapace e pudica. Ho apprezzato anche il suo adattamento nel Harem. . La bruttezza della cattura di Zoe e della sua in schiavitù sono state utili per spiegare il suo bisogno di libertà , ma oltre a questo,questi  tragici effetti fanno parte del  passato.






Posta un commento