venerdì 26 ottobre 2012

Recensione Il visconte che mi amava



Presto in vendita l'edizione Super oro Mondadori : Le vie dell’amore (Il duca ed io, Il visconte che mi amava, La proposta di un gentiluomo)



Titolo: Il visconte che mi amava
Autore: Julia Qhuinn
Editore: Mondadori 
Genere: Romanzo rosa, storico
Pagine: 300


Trama: 

Kate Sheffield, ormai ventenne, è decisa a trovare un buon marito almeno per sua sorella minore Edwina. A farsi avanti è il visconte Anthony Bridgerton, ma Kate si oppone: non è il tipo d'uomo che stava cercando. Stranamente ansioso di assicurare un erede al proprio titolo, Anthony sembra nascondere più di un segreto. Ma il destino, maestro dei giochi, farà incontrare le anime di Kate ed Anthony in modo del tutto inaspettato…

Recensione:


Ecco a voi un libro dai protagonisti tutt’altro che usuali. Un visconte intenzionato a sposarsi in fretta, mosso da sentimenti tutt’altro che romantici ed un eroina che può considerarsi alla strenua delle protettrici dell’onore. Un Inghilterra immersa nella stagione mondana che vi accoglierà tra i salotti della nobiltà e tra un ballo ed un carnet da firmare vi mostrerà quanto la volontà sia nulla di fronte al destino. In una Londra soggiogata dalla penna intrisa di pettegolezzi di “Miss Whistledown” i nostri protagonisti saranno costretti in  una conoscenza più tosto forzata che li porterà verso le campagne nel Kent, persi tra i giardini di Lady Violet, dove si celano pericoli e scandali poco celati agli occhi delle pettegole più pavide del bel mondo.
L’autrice ci apre le porte della magione di campagna dei Bridgerton, luogo che non a tutti è permesso varcare, e ci presenta il legame  fraterno tra giochi e scherzi rendendo l’unione ed il profondo amore che unisce la famiglia Bridgerton qualcosa si indissolubilmente tangibile. E come in ogni famiglia che si rispetti l’elemento principale e una battaglia l’uno contro l’altro che porterà alla luce divertenti momenti.


"Presenti al concerto da lady Bridgerton anche la signora Featherington con le tre figlie (nessuna delle quali indossava colori adatti alla propria carnagione) e, ovviamente, la signora Sheffield e la signorina Katharine Sheffield.
L'Autrice presume che l'invito includesse la signorina Edwina Sheffield, che tuttavia era assente. Lord Bridgerton pareva parecchio allegro nonostante l'assenza della giovane Sheffield, con un certo disappunto da parte di sua madre.

Da "Le cronache mondane di lady Whistldown" 27 aprile 1814"

Una frenesia che nasce nascosta tra le schermaglie, che cresce alimentata da impertinenti allusioni, temporali spaventosi e pungenti conversazioni, sbocciando in amore, un amore che nessuna puntura potrà mai separare.

Antony riceve il titolo nobiliare all'età di vent'anni, dopo la morte del padre avvenuta per un semplice e fatale incidente, la puntura di un ape che diventerà l’ossessione del nostro protagonista, che teme di non superare la veneranda età dei 38, seguendo le orme del padre fin all'ultimo respiro.
Ci viene presentato un uomo forte e deciso che sa esattamente cosa vuole, ha programmato la sua vita fin nei minimi dettagli ma non ha considerato che qualcuno o meglio una donna possa mettergli i bastoni tra le ruote distogliendo la sua attenzione dallo splendore dell’anno.


"«È davvero più diffìcile quando si è più grandi. Si è avuta la possibilità di conoscerli, ma il dolore della perdita è più intenso.»"

Kate Sheffield, donna sicura e arguta dalla risposta sempre pronta, orfana di entrambi i genitori, vive con la madrina e la sorellastra che ama profondamente tanto che farà di tutto per permettere a Edwina (lo splendore del 1814) un matrimonio d’amore. Quando la cara Kate, però, viene a conoscenza dei piani del Visconte si trasforma in una guerriera pronta a difendere i suoi ideali ed il futuro di Edwina. 
Un profondo e inaspettato mistero si cela dietro la paura di Kate per i temporali e grazie ad Antony anche lei riuscirà a scoprire a superare i suoi timori.


"«Oh, Anthony!» esclamò lei in un mugolio e poi, con estrema sorpresa di lui, balzò in piedi e superò il tavolinetto per gettarglisi fra le braccia mentre il pesante orlo dell'abito da pomeriggio faceva volare a terra tre tazze, due piattini e un cucchiaio. «Siete così caro!»"
Amerete quest'uomo felice di essere l'unico privilegiato tra gli uomini a riuscire a vedere la bellezza della donna che ama,sentendola per questo più sua senza il bisogno di mostrarla come un trofeo.
Il nostro protagonista però ad un certo punto nell'eco delle parole "per sempre" scappa dalla sua amata... saprà la decisa Kate riportare all'ordine i sentimenti di Antony?
Tra piccoli dispetti, frecciatine pungenti e temporali riusciranno ad avvicinarsi travolti da qualcosa a cui non posso resistere, distruggendo le speranze di Antony nella ricerca di una moglie di cui non si sarebbe innamorato.
Un romanzo da non perdere che riuscirà a sorprendervi grazie alle profondità di due anime stupende.




Voto:






                                                   
Posta un commento