mercoledì 16 dicembre 2015

Recensione: A Passo di Salsa di Fanny Di Natale

Il 18 dicembre edito per Triskell Romance esce A passo di Salsa di Fanny Di Natale, una storia romantica che con un ritmo caraibico che vi saprà conquistare..



Trama
Alan Parker, venticinquenne perso in una vita tediosa e rassegnato a non avere sogni, si ritrova catapultato nella vita di Mel, una diciottenne affetta da leucemia che, invece, un sogno ce l’ha.
Il ragazzo si troverà trascinato in un’avventura improbabile nel tentativo di aiutare la giovane a realizzare il suo desiderio.
Tra i due sboccia un sentimento che, però, è impossibile da vivere perché Mel ha i giorni contati.
Ma al cuor non si comanda e tra aerei, spiagge e i meravigliosi scenari di Cuba, l’amore si insinuerà dentro di loro, sfidando la malattia, l’ostinazione di Mel e trasformando Alan in tutto ciò che non è mai stato e mai avrebbe creduto di poter diventare.

 Recensione

 
Dimenticate il maschio alfa, bello, ricco e sicuro di se, abituato ad allungare una mano e prendere ciò che vuole dalla vita; il protagonista della nostra storia, Alan, oltre ad offrirci una volta tanto, il punto di vista maschile, cosa già di per se apprezzabile, è un venticinquenne, giovane avvocato ancora in piena gavetta, insicuro e con una famiglia soffocante alle spalle, il prototipo perfetto dell’antieroe. 
Ragazzo tranquillo e di buon carattere, con la passione del ballo, deve adattarsi a condurre un’esistenza incanalata sui binari che i genitori hanno voluto per lui, senza mai lamentarsi o ribellarsi, anzi sentendosi in difetto rispetto alle figure genitoriali. 
In seguito ad in incidente con l’auto, finisce in ospedale, dove incrocia di sfuggita per soli cinque minuti, una ragazza malata di leucemia, il suo esatto opposto, decisa a godersi quel poco di tempo che le resta, rifiuta con decisione le cure opponendosi a medici e famigliari. Si perdono di vista, ma lui qualche volta ripensa a Mel, indomita e fiera, fino al giorno in cui per caso si incontrano di nuovo in Florida, lui in procinto di trasferirsi presso una zia e lei all’inseguimento del suo sogno: visitare Cuba.
Alan accetta di accompagnarla, un vero colpo di testa per un ragazzo prevedibile e serio, che invidia la sua spensieratezza, nonostante la malattia continui a corroderla. 
Partono insieme alla volta di un’avventura che cambierà entrambi. 
Non svelo nulla sul finale, a voi scoprire cose il destino riserva ai nostri ragazzi.
Una lettura scorrevole, ma a volte un pò lenta, si sofferma su particolari che non sempre aiutano il lettore a calarsi nei panni dei protagonisti; bisogna tuttavia riconoscere all’autrice il merito di aver dato vita ad un racconto diverso dal solito, al di fuori dei consueti schemi narrativi, ce ne era un gran bisogno.
 
Alla Prossima
Rossana





Posta un commento