mercoledì 7 ottobre 2015

Darkland di Paolo Grugni Melville Edizioni



Buonasera blog ! Oggi voglio  parlarvi  dell’uscita di Darkland, il nuovo romanzo  di Paolo Grugni ( in libreria e in ebook dal 22 ottobre), pubblicato dalla neonata realtà, Melville Edizioni, distribuita da Messaggerie.  Anche questa volta Grugni si cimenta con un tema forte, scomodo e ingombrante scrivendo un thriller storico politico - ambientato ai giorni nostri nella Foresta Nera -  frutto di lunghe ricerche storiografiche svolte in Germania, in cui offre al pubblico una sconvolgente chiave di lettura dell'ideologia nazista. E lo fa proprio nell'anno in  cui si ricorda il 70 anniversario del Processo di Norimberga (20 novembre 2015).


A 70 anni da Norimberga esce Darkland, il nuovo libro di Grugni. Con le sue rivelazioni sconvolgenti inaugura Melville Edizioni. Dal 22 ottobre.






Paolo Grugni 
DARKLAND 
Il male cerca l'oscurità e odia la luce 
Melville Edizioni 




                                    Ghiaccio nove: collana di narrativa contemporanea italiana e straniera 
Pagine: 256 
Prezzo cartaceo: 16.50 euro; prezzo ebook: 8.90 euro 
ISBN 978-88-99294-00-7 
In libreria e in versione ebook dal 22 ottobre 2015  



L'ATTUALITA' DEL MALE. DA NORIMBERGA AI GIORNI NOSTRI. 
UN THRILLER RICCO DI RIVELAZIONI 

Con 'Darkland' (Melville Edizioni, in libreria ed ebook dal 22 ottobre 2015), Paolo Grugni
si conferma autore di grande talento narrativo, nonché acuto osservatore della storia, della 
società, e della natura umana, oltre che sottile conoscitore dell'aspetto irrazionale 
inscindibilmente legato ad essa. Per lo scrittore milanese, la letteratura è sempre 
espressione di impegno etico e politico. Lo conferma la sua nuova opera: un thriller a sfondo 
storico che affonda le radici nell'atmosfera grigia, cupa e piovosa della Foresta Nera. Da qui 
il titolo 'Darkland' - terra oscura - che è non solo un rimando alla Foresta Nera, ma anche al 
passato notoriamente oscuro e fosco della Germania. 
Karl Jerzyck, un professore di criminologia di Monaco, scopre in maniera del tutto casuale 
delle ossa in un bosco vicino a Karlsruhe. I resti appartengono a persone scomparse 25 
anni prima in circostanze mai chiarite. Il criminologo e Arno Schulze, l'ispettore della Kripo 
che aveva seguito il caso all'epoca, decidono di riprendere le ricerche. I due si trovano 
presto coinvolti nelle trame di gruppi neonazisti collegati a sette esoteriche e occulte. Un 
percorso che li farà tornare indietro nel tempo ai campi di sterminio nazisti. 
La ripresa delle indagini coincide però con una serie di nuove sparizioni, questa volta nella 
città di Friburgo. Che cosa sta succedendo nella Foresta Nera? Perché è stata scelta 
proprio questa zona della Germania? Jerzyck e Schulze scopriranno che qualcuno ha 
deciso di riprendere gli esperimenti iniziati da Joseph Mengele, l'angelo della morte, ad 
Auschwitz e mai conclusi. A quale scopo? Perché il mondo del neonazismo è in fermento? 
Chi si nasconde dietro agli omicidi? E qual è l'annuncio che una potente organizzazione 
neonazista si accinge a lanciare il 20 novembre 2015 proprio in occasione del 70° 
anniversario del processo di Norimberga? 
Paolo Grugni in 'Darkland' - frutto di una lunga, approfondita, dettagliata ricerca 
storiografica - propone al lettore una sconvolgente chiave di lettura dell'ideologia nazista e 
della sua visione del mondo. Fino allo stupefacente, inedito finale: come sarebbe stata 
l'Europa se Hitler avesse vinto la guerra.




Paolo Grugni (Milano, 1962), germanista, oltre a Darkland, ha pubblicato sette romanzi: Let 
It Be (Mondadori, 2004), Mondoserpente (Alacrán, 2006), Aiutami (Barbera, 2009), Italian 
Sharia (Perdisa Pop, 2010), L’odore acido di quei giorni (Laurana, 2012), La geografia delle 
piogge (Laurana, 2013), L'Antiesorcista (Novecento, 2015). 




Posta un commento